AREA URBANA Rende Zoom

Elezioni Rende, Filorosso si schiera con Talarico e presenta Daniela Ielasi

Alla vigilia della festa della Liberazione, data simbolica e importante per uno spazio che ha una forte identità politica e sociale, il Filorosso ha organizzato una conferenza stampa sulle prossime elezioni comunali di Rende. Per esprimere la propria posizione a sostegno del candidato a sindaco Mimmo Talarico e la candidatura di Daniela Ielasi nella lista Rende Smart, presentata al pubblico e alla stampa da Paride Leporace, Iris Balzano e Mimmo Cersosimo. Alla conferenza ha partecipato anche Talarico, che si è detto “onorato da candidato a sindaco di sinistra progressista, di avere nelle sue liste una figura come Daniela Ielasi”. 
Secondo Mimmo Cersosimo “l’esperienza Filorosso di cui la candidata è stata promotrice e motore trainante, ha una caratura straordinaria, rappresenta una pratica di gestione dei beni pubblici virtuosa. Ma soprattutto l’urgenza è di avere persone dalla postura culturale e cosmopolita di Daniela pronte a farsi carico della cosa pubblica”. Il Filorosso Daniela lo ha visto nascere e crescere e lo ha raccontato anche in un libro che ricorda i primi 20 anni di autogestione, vissuti “tra personale e politico”. In effetti il suo percorso di formazione e autoformazione, iniziato da brillante studentessa dell’Università della Calabria, la distingue rispetto a tutti i concorrenti alle prossime comunali di Rende. Dall’attivismo studentesco al G8 di Genova, dalla militanza nelle Tute Bianche alla lunga esperienza di autogestione, non ha mai arrestato il suo percorso di crescita, dimostrando lungimiranza nel riuscire ad interpretare e comprendere i grandi cambiamenti che hanno rivoluzionato nel frattempo i suoi centri gravitazionali, l’Università e la comunicazione.
“E’ importante conoscere la storia di Daniela, studentessa fuorisede di Cittanova, per la quale Rende non è e non è mai stato un comune di passaggio, ma una scelta. Il Filorosso, quartiere di riferimento, nella cittadina universitaria dove vivere spazi, cultura e socialità, deve molto a lei, alla sua razionalità e alla capacità di dialogo, aspetti che si riversano nel programma politico ma soprattutto nella mentalità di chi irrora d’agire politico anche gli aspetti quotidiani della vita”: sono le parole di Iris Balzano, amica e compagna di militanza, tra le forze promotrici e trainanti di una realtà, quella del Filo, che resiste nonostante tutto. Trovare traccia delle esperienze maturate non è difficile, basta rileggere i suoi numerosi testi e articoli, o sfogliare Fatti Al Cubo, il giornale indipendente dell’Unical che ha fondato e dirige, convinta che scrivere sia un atto politico. Quello di Daniela Ielasi non è uno slogan, ma un racconto. “Una città per restare” è ciò che tanti ragazzi dell’Unical sono riusciti a trovare grazie a Daniela e al Filorosso, una possibilità, elemento di rarissima diffusione nel nostro territorio, e una guida, in un momento in cui la voglia di fare non basta, servono gli strumenti. Il progetto è ambizioso ma non è utopico, è già stato sperimentato dal basso, e per una comparazione dei risultati è possibile visitare il DAM nel Polifuzionale, centro storico dell’Unical. Giornalista, scrittrice, progettista, militante appassionata e tenace, Daniela è una donna che pensa a Rende come “una città in cui valga la pena vivere e restare, in cui le intelligenze e le energie creative trovino cittadinanza e vengano valorizzate, generando ricadute virtuose sul territorio”.
“La classe politica – ha concluso il candidato a sindaco – deve assumere come impegno categorico l’appetibilità del comune per gli studenti, mettendo al centro dell’azione di governo le persone più che le pietre”. Talarico e Ielasi hanno scelto di lavorare per tutti, ma più di tutti per i giovani, perché vengano offerte loro delle possibilità in questo territorio. Il programma, che verrà presentato nei prossimi giorni, si basa sull’armonizzazione dei quartieri, sul potenziamento della mobilità sostenibile, su spazi di cultura e socialità, sul rilancio del centro storico, tutti elementi indispensabili a fare di Rende una città intelligente, una città “smart”.

Maria Pia Belmonte

FaC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial