CULTURA Teatro UNICAL

Laura Morante locandiera noir che seduce il pubblico del TAU

Nell’edizione originale della Locandiera, Carlo Goldoni scrive un’introduzione dal sentore aspramente misogino, invitando i suoi lettori, soprattutto quelli più giovani, a diffidare dalle donne dal pianto facile e dalla lusinga gratuita. Nello srotolarsi del testo goldoniano prende forma un carattere femminile contraddistinto dalle capacità seduttive e manipolatrici di Mirandolina, e per contrasto emerge un maschile avido, possessivo, pietrificato e raggrinzito dall’avarizia. Da questo maschile e femminile perverso scaturisce il gioco bellico fra uomo e donna che anima il testo goldoniano. Di tale contrasto è animata anche La Locandiera B&B di Edoardo Erba con Laura Morante, andata in scena il nove marzo al Teatro Auditorum Unical, ma del testo goldoniano è conservato solo lo snodo germinale.

La Locandiera B&B, ambientato in un alberghetto toscano, vede Laura Morante nei panni di Mira, una novella Mirandolina un po’ più ingenua di quella di goldoniana memoria, ma che ben presto saprà riconoscere, ed usare, il suo potere seduttivo ai danni di un maschile che trascura, impone, pretende, mortifica, reifica.
L’ambientazione è a metà fra il giallo classico ed il noir, i toni sono cupi, tesi, la tensione quasi sempre alta. Le musiche sottolineano i momenti cruciali e contribuiscono, con la loro funzione retorica, ad aumentare la suspense. Bella e precisa la recitazione degli attori. Impeccabile il ritmo, che spesso subisce delle improvvise accelerate (soprattutto durante le uscite di scena degli attori) quasi come se col telecomando avessimo innescato la funzione fast motion. Godibile anche l’equilibrio della scena, sempre perfettamente bilanciata. Appetibili per i nostri occhi avidi di spettatori risultano poi le controscene del primo atto: perdere il controllo della propria attenzione e lasciarla nelle mani del processo scenico è davvero un piacere. 
I punti forti sono prevalentemente sensoriali: è grazie a questa sapienza artigianale nella costruzione dello spettacolo che si può sopperire alla mancanza di una trama forte e avvincente. Il tutto è edulcorato da una linea di humor nero che dal personaggio di Mira si irradia lungo tutta la messa in scena, che nel secondo atto però, perde un po’ della sua freschezza, ma soprattutto della sua appetibilità visuale. Il pasto viene negato al voyeur nel secondo atto, e l’eccitazione muore fra le anguste mura di un corridoio arredato con una piccola scarpiera in legno chiaro. In questo corridoio avverrà anche la transizione di Mira: da bugiarda ingenua preoccupata solo dall’intavolare cibo e argomenti per i suoi commensali, a tiepida e simpatica canaglia che lascia tutti, ma proprio tutti (clienti affaristi, contabili e marito), con un palmo di naso.

Gianbattista Picerno
FaC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial