CULTURA Migranti Musica Zoom

“Next”, il rap internazionale made in Unical

Circola in rete una traccia rap incisa da due studenti internazionali dell’Università della Calabria. “Next” è il titolo della canzone, perché il risultato di ogni successo o fallimento è qualcosa di nuovo a cui dobbiamo sempre dedicare impegno e passione. Mazen, studente al secondo anno di Scienze Politiche, e Agami, studente di Informatica del primo anno, due ragazzi egiziani rispettivamente del Haram e del Maa’di, arrivati in Italia nel 2012 per motivi di studio. Per loro all’inizio non è stato facile, non conoscendo la lingua, ma hanno superato con determinazione le difficoltà, lo testimonia proprio il loro brano ricco di contaminazioni culturali e linguistiche.
La canzone è stata scritta da Mazen e Agami registrata da Mr Salah nel mese di aprile, un laboratorio sperimentale che ha prodotto un testo, metà in italiano (scritto da Mazen) e metà in inglese (scritto da Agami). Il video è stato girato da Tito e i ragazzi, tutti studenti Unical, hanno scelto di girare quasi tutta la canzone nella zona dell’università, tra Polifunzionale, aula 18, piazza Vermicelli e anche la stessa casa dei ragazzi, al centro residenziale. Li abbiamo intervistati.
Il testo di Next è in parte in italiano e in parte in inglese, nessuna delle due è la vostra lingua madre. Cosa vi ha spinto verso questa scelta?
M. Quando sono venuto in Italia non parlavo nè capivo l’italiano e questo mi faceva innervosire troppo, per questo ho sfidato me stesso, voglio dire che dietro la scelta di cantare in italiano c’è un lungo percorso, impegno e determinazione. L’italiano è una lingua musicale e ci sono tante frasi e parole che fanno rima già di per sè.
A. L’inglese è la lingua che mi permette di esprimere al meglio le mie idee e di trasmettere la mia passione. Non saprei scrivere un testo rap in una lingua diversa dall’inglese e poi questo ci da la possibilità di arrivare ad un numero maggiore di persone.
Come avete scelto le location del video?
Abbiamo girato nel campus perché nel campus è dove viviamo e dove siamo diventati quello che siamo, questo è il nostro background. Vogliamo essere autentici, senza fingere.
Quando è iniziato tutto?
M. Il primo anno in Italia mi sono rotto una gamba, in quel periodo ascoltavo tantissimo e memorizzavo tante tracce rap che cantavo ai miei coinquilini quando tornavano da scuola, è stato così che ho capito cosa volevo fare.
A. Ascoltavo sempre rap, ma era il 2012 quando sono arrivato qui, ho vissuto il distacco dalla mia famiglia e dal mio paese, ho imparato a stare solo e gestire i miei spazi personali. Io e Mazen frequentavamo la scuola di Fuscaldo, e lì abbiamo fatto la nostra prima esperienza su un palco, al concerto di fine anno della scuola, qualcosa che non dimenticheremo.
Come è nata “next”?
Tutto è nato in maniera casuale o quasi, dalla voglia di fare e di mettersi in gioco. Il rap per noi rappresenta soprattutto una valvola di sfogo e il progetto nasce dalla nostra passione”
Che programmi avete per il futuro? Credete di restare qui?
Qui c’è tutto, tantissimo da vedere e vivere, ma le città si spopolano, tutti i ragazzi della nostra età se ne vanno altrove, dove ci sono più possibilità, e qui non rimane molto. Per quanto riguarda la musica stiamo già facendo un altro laboratorio per scrivere una nuova traccia che canteremo insieme.

Wanees Mousa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial