AREA URBANA PRIMO PIANO Rende Trasporti

Quattromiglia, primi interventi sul passaggio pedonale per l’Unical

Pochi giorni di lavoro e il passaggio pedonale che collega Quattromiglia all’Università della Calabria, passando sul vecchio tracciato della ferrovia e spuntando su via Savinio, si presenta quantomeno migliorato agli occhi delle centinaia di studenti che lo percorrono ogni giorno. Una settimana è bastata al Comune di Rende per eseguire un intervento minimo e atteso da decenni. I lavori hanno riguardato gli ultimi quindici metri del vicolo, i più critici, quelli che sbucano su via Savinio: eseguiti la pavimentazione in cemento, l’alzata di piccoli muretti laterali, l’inserimento di nuove ringhiere e, cosa più importante, la riparazione e rifinitura dei gradini – ora molto più visibili – che uniti alla scarsa illuminazione rappresentavano un grosso pericolo per i passanti. Certo, non si è pensato a uno scivolo per disabili, utile anche ai ciclisti che, in attesa dell’annunciata pista ciclabile da realizzare in un futuro indefinito, sono costretti a salire e scendere i gradini bici in spalla. Basterebbe un altro poco di cemento per rimediare.  
Questa stradina d’accesso all’Università della Calabria, ricavata su una scorciatoia tracciata nel tempo dagli studenti stessi, rappresenta di fatto l’unico accesso pedonale all’Unical, l’unico accesso collegato al marciapiede (a tratti inesistente) che corre lungo via Savinio portando al Polifunzionale. Non sembra credibile che un Campus di tali dimensioni abbia solo una stradina, per lo più in pessime condizioni, dedicata a chi si muove a piedi. L’uso della scorciatoia è cresciuta negli anni, complice l’aumento del costo degli autobus, e la richiesta di un intervento si era fatta per questo più pressante da parte dell’università e delle associazioni studentesche. A lungo si è giocato sulla sicurezza degli studenti, rinviando un intervento che costava soltanto qualche giorno di lavoro. Finalmente qualcosa si è mosso e l’amministrazione Manna, seppure dopo quattro anni dal suo insediamento, ha messo mano alla faccenda superando l’immobilismo dei sindaci precedenti. Auspichiamo adesso un miglioramento dell’intero tratto che, oltre ad esigere uno scivolo per disabili e ciclisti, si presenta ancora in una situazione precaria, sia per quanto riguarda l’illuminazione sia per le condizioni dell’asfalto, nonché per la pulizia.

Piero Mirabelli

FaC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial