CULTURA Teatro

Teatro sotto il banco. Il 5 marzo al PTU “La guerra di Paulinuzzu Millarti”

Martedi 5 marzo al PTU, inserito nella rassegna -Teatro Sotto il banco- di AttoriInCorso , va in scena “La guerra di Paulinuzzu Millarti”, scritto e interpretato da Andrea Puglisi con la regia di Benedetta Nicoletti. Sul proscenio c’è anche Simone Zampaglione, laureato al Dams dell’Unical, attore esordiente nella Compagnia dei Rozzi e allievo/attore di Teatro Rossosimona.
Lo spettacolo è un monologo teatrale vincitore della XIII edizione della rassegna nazionale “Premio Più a Sud di Tunisi”. La storia tratta le vicissitudini di Paolo Montalto, abitante di Portopalo di Capo Passero, in Sicilia, reduce dalla Seconda Guerra Mondiale. Classe 1918, tutt’ora in vita, all’età di 20 anni viene chiamato a svolgere regolarmente il servizio di leva militare che imponeva la legge degli anni.
Imbarcato presso il caccia torpediniere “Borea” in qualità di nocchiere e marinaio di manovra, partecipa al primo attacco italiano contro l’Albania poco prima dello scoppio del conflitto mondiale. Il 10 Giugno 1940, Benito Mussolini dichiara guerra a Francia e Inghilterra, mentre il giovane Paolo si trova a Tobruk in Africa durante il periodo di formazione militare.
“Paolino” è un riflesso del conflitto più sanguinoso della storia, e affronta varie situazioni che segneranno la sua vita prima del suo ritorno a casa.
Lo stile è quello del teatro di narrazione. Nello spettacolo sono presenti registrazioni audio di eventi storici, registrazione dei comunicati ufficiali in lingua originale, passando dalle musiche dei primi anni ’10 fino alle musiche del ventennio fascista per scivolare a Spring Waltz di Chopin.
L’obiettivo del Puglisi e Nicoletti resta quello di preservare la memoria in un periodo storico che sembra aver dimenticato gli errori del passato. Questa è una storia da raccontare a chiunque per non dimenticare un tempo umanamente buio e pieno di odio. Sarà bello vedere questi giovani attori, amanti del teatro e figli del nostro sud, alle prese con una storia inedita che porta dentro di sé un tempo indelebile nella memoria.

a.c.

FaC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial