Migranti PRIMO PIANO UNICAL

Unical deserta in agosto, ma gli studenti internazionali “presidiano” il Campus

Finita l’ultima sessione d’esami, come ogni anno il Campus si svuota (quasi) del tutto. Gli studenti calabresi rientrano nei paesini d’origine, vanno in vacanza al mare o in montagna. I dipendenti in ferie (forzatamente per due settimane a partire dal 9 agosto), gli esercizi commerciali chiudono. Che fine fanno invece gli studenti internazionali dell’Università della Calabria? Ritornano nei propri Paesi, spesso molto lontani, si concedono anche loro una vacanza, oppure rimangono a vivere nel Centro Residenziale? E come passano le giornate, visto che le attività universitarie sono tutte sospese (tranne gli Open Days per le future matricole) e le città di Cosenza e Rende si svuotano? Come si spostano, se lo desiderano, e con quali mezzi? E che tipo di servizi riserva loro l’Unical?
Stando ai dati del Centro Residenziale, quest’estate saranno più di 160 gli studenti internazionali che rimarranno a “presidiare” il Campus. Come Mustafa del Sudan e Maga del Paraguay, impegnati a studiare per preparare i prossimi esami. Per loro sarà attivo il servizio mensa, a tariffe inalterate, presso il Quartiere Maisonnettes, sia a pranzo che a cena. Mentre, per il servizio alloggio, è previsto il pagamento di una quota, poiché – come recita il Regolamento del CR – “la permanenza nel mese di agosto è a titolo oneroso”. Grazie a una raccolta firme fatta dagli studenti stessi, la tariffa rimarrà di 50 euro per tutti, come negli anni passati: il nuovo Regolamento aveva tentato di introdurre un aumento, ma la mobilitazione degli studenti lo ha bloccato. Inoltre, diversamente dagli anni passati – quando gli studenti erano costretti a lasciare il proprio alloggio e trasferirsi tutti alle Maisonnettes, per una questione di risparmio – quest’anno ognuno potrà rimanere nella propria casa, in qualsiasi quartiere sia alloggiato.
L’Università ha poi pensato di organizzare qualche gita nei dintorni. Si chiama “Festa dei Popoli itinerante” ed è curata dal Settore attività culturali, sportive e di aggregazione. Il primo appuntamento è già in calendario per il prossimo 5 agosto e prevede una tappa a Verzino, in provincia di Crotone, per l’iniziativa “Visita al borgo con Festa”. Un’intera giornata riservata agli studenti internazionali che nel mese di agosto resteranno nel Campus: sono disponibili 50 posti e la precedenza verrà data agli studenti che si esibiranno durante gli spettacoli e alle ragazze in abito tradizionale. Ma attenzione, per i partecipanti sono previste regole ben precise: chi si prenota e non si presenta il giorno della partenza sarà cancellato da tutte le altre gite che si organizzeranno. Gli elenchi dei partecipanti saranno pubblicati sulla pagina facebook della Festa dei Popoli.
Insomma, il torrido mese di Agosto alla fine in qualche modo passerà. Ma non tutti rimarranno qui: c’è chi visiterà la Grecia per un internship, come Anita, indonesiana; Adel, neolaureato in Ingegneria meccanica, farà ritorno in Egitto; Liu Jia trascorrerà le vacanze estive in Cina per poi ritornare qui; lo stesso farà la nostra amica Mahsa, dopo le vacanze in Iran; Saul tornerà in Ecuador. Chi rimarrà, come Mohayed, sudanese, trascorrerà una settimana in giro per l’Italia per poi rientrare in università, mentre William, ecuadoriano, andrà a trovare un amico in Spagna, e Christian andrà a far visita ai parenti in Veneto.
Non solo viaggi di piacere però. Alcuni saranno impegnati in lavori stagionali in giro per la Calabria: c’è chi farà il lavapiatti nelle strutture balneari del Tirreno cosentino, altri sono ancora alla ricerca di un lavoretto, soprattutto nei settori in cui non è indispensabile la conoscenza della lingua italiana.
Nel mese di agosto intanto cominceranno ad arrivare le nuove matricole internazionali: per loro l’Associazione Culturale Entropia, nell’ambito del progetto di Servizio Civile Nazionale dal titolo “Studenti senza Frontiere”, ha in programma un servizio di prima accoglienza e orientamento, in collaborazione con il Welcome Office dell’Unical.

I Volontari del progetto “Studenti senza Frontiere”

FaC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial